No Default

No Default nasce come progetto originario nell’anno 2014, all’indomani della entrata in vigore della legge 3.2012, detta legge salva suicidi, e del d.m. 202.2015, decreto di attuazione per la normativa in materia di sovraindebitamento.

Tale progetto nasce nell’alveo della Legal Professional Network, inizialmente, come uno strumento a tutela degli imprenditori e dei debitori che avessero avuto difficoltà nel sanare le proprie posizioni debitorie, con particolare riferimento alle problematiche con le banche. Inoltre, veniva rivolto uno sguardo particolare alle procedure di mediazione civile, poiché la materia bancaria rientra nelle ipotesi dell’obbligatorio esperimento della condizione di procedibilità.

Successivamente, nel corso dell’anno 2016 il progetto inizia a cambiare volto poiché la sua ideatrice, avv. Cira Di Feo, si approccia col mondo delle vittime di reato, in particolare vittime di usura, estorsione e reati associativi, tutelando i soggetti in ambito civile, affrontando problematiche di natura bancaria e tributaria. In questo contesto, il fondatore del progetto viene a contatto col meccanismo della legge 44.99 e della legge 108.96, quindi, le cosiddette sospensioni ai sensi dell’art. 20 della legge 44.99. E’ attraverso l’analisi di queste procedure e della problematiche sottese ad esse, nonché dall’esame della legge 3.2012 che è la legge madre del sovraindebitamento e della nuova regolamentazione della tutela delle vittime di usura, si rende conto di quanto le procedure siano affini ed interconnesse tra di loro. 

Inoltre, un costante rapporto con l’Unione Europea, mai interrotto, anche dopo la partecipazione all’Assise de la Justice di Bruxelles nel 2013, pone il suo fondatore di fronte a quello che sarà il futuro della insolvenza e dell’indebitamento in Europa. 

Dalla conoscenza delle normative nazionali ed europee ne deriva la consapevolezza che non solo la composizione della crisi peermerà i rapporti tra debitore e creditore, quanto piuttosto non si parlerà più di fallimento, ma di nuove procedure per assicurare la continuità aziendale. 

Non solo, a tutela del debitore che rischia di perdere la prima casa vengono previste nuove misure di tutela.

Nasce una maggiore consapevolezza, quindi, sull’utilizzo degli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie e sulle procedure di sovraindebitamento. 

E’ da li che inizia la cosiddetta cavalcata nel settore del sovraindebitamento, a far data dall’anno 2017.

Obiettivo iniziale della LPN srl è assicurare tutela ai soggetti indebitati, attraverso consulenza legale, finanziaria e tributaria. Inoltre, sulla base delle previsioni legislative di cui al d.m.. 202.2014 inizia la collaborazione con alcune amministrazioni comunali con lo scopo di creare gli organismi della composizione della crisi, presso i quali possano essere tenute le procedure di sovraindebitamento. 

L’anno 2018 rappresenta l’anno di startup dei primi due organismi della composizione della crisi da sovraindebitamento accreditati presso il Ministero, presso i comuni di Lenola e Cerro al Volturno, ossia Latina e Isernia. 

Nel frattempo, grazie alla costante e continua collaborazione con le vittime di reato nasce una maggiore attenzione alle problematiche legate al mondo bancario, finanziario, delle esecuzioni mobiliari ed immobiliari, fallimentari e dei rapporti con le associazioni antiusura. A quel punto, si inizia a riflettere sulla opportunità di creare una rete di comuni che possano diventare organismi della composizione della crisi su base nazionale e, grazie alla collaborazione continua e costante in ambito ministeriale, si verifica la possibilità di accreditare anche i segretariati sociali come o.c.c., sulla base delle leggi regionali.

Dopo lo studio della normativa e della fattibilità della costituzione dei segretariati sociali, nell’anno 2019 nasce la LPN Onlus per il sociale, la quale viene deputata a costituire la rete dei segretariati sociali organismi della composizione della crisi su tutta Italia. Iniziano gli iter di accreditamento di tali o.c.c., si prosegue con lo studio delle pratiche, delle consulenze, delle problematiche a cui si va incontro.

Nel mese di gennaio 2020 viene concluso l’iter di preparazione per l’accreditamento degli o.c.c. presso i segretariati sociali da parte delle sedi della LPN Onlus di Salerno, Latina, Formia, Napoli e la documentazione è pronta per essere spedita. 

Inizia il lockdown dovuto al fenomeno epidemico diffuso in tutto il mondo.

Dopo pochi giorni dall’inizio del lockdown arriva il PDG del Comune di Giffoni Sei Casali, provincia di Salerno, come un segno del destino che asserisce che si sta operando nel meglio e per il meglio.

Inizia al confusione, la problematica relativa alla sospensione dei mutui e dei finanziamenti, imprese prive di sostegno e indotte a fare debito per non collassare, erogazioni in favore di cassa integrati e dipendenti che tardano ad arrivare, erogazioni in favore dei professionisti che tardano ad arrivare, confusione tra banche, finanziarie e governo. Molti alla riapertura dovranno ripensare alle proprie attività a causa delle misure di prevenzione e distanziamento sociale richieste per legge e, forse pensano di non riaprire, di non riprendere. Ma c’è chi ha firmato la fideuissione, chi la garanzia, chi ha il mutuo da pagare, chi è titolare di una ditta individuale e comunque dovrà far fronte a debiti su debiti e non sa come fare. Tanti sono tentati di chiudere tutto, abbassare quella maledetta saracinesca e dire, “Basta non ne posso più, chiudo tutto, mi prendo il reddito di cittadinanza”, ma… qualcuno sa che perderà la casa propria, qualcuno quella dei genitori, molti il lavoro, e molti sanno che il reddito di cittadinanza non sarà eterno.

E’ cosi che, un pomeriggio, per caso, sempre il fondatore inizia a cercare nel proprio vecchio pc rimasto inutilizzato, qualcosa, senza sapere cosa, e apre la cartella denominata: No default.

Inizia a cercare la vecchia documentazione, i libri pubblicati, le foto dell’evento di Roma e poi… ecco che all’improvviso trova una cartella loghi e trova quel logo di cui si era letteralmente dimenticata! 

E’ un logo con un omino stilizzato, che si pone dinanzi ad una saracinesca chiusa e su questa saracinesca c’è scritto: “io non chiudo, resisto” e la scritta sotto l’immagine è NO DEFAULT.

Da lì rinasce tutto.

Io non chiudo, resisto e dico no al default della mia azienda e no al default della mia vita.

NO DEFAULT diventa una missione, un obiettivo, diventa la ragione di una vita e la conclusione e l’inizio di un percorso professionale e di vita dedicato agli altri, a chi necessita di un aiuto, di un supporto e di essere accompagnato in una fase cosi delicata. Un indebitamento derivante dal blocco della economia a causa dei una epidemia, non ha e non può avere natura volontaria, ne’ dolosa ne’ colposa, per cui, chiunque ha diritto a rimanere in piedi, ha diritto alla speranza e ha il dovere di mantenere equilibrio e coraggio.

Cosi nasce NO DEFAULT, anzi, torna, un progetto nato, sopito e che poi rinasce a nuova vita per dare speranza, opportunità ed occasione a chiunque sia indebitato a prescindere dalla epidemia, dall’essere una persona fisica o un titolare di partita iva, ditta individuale, società di persone o di capitale. 

NO DEFAULT.

Io non chiudo, resisto e combatto.

A CHI E’ INDIRIZZATO

SOCIETA’ DI CAPITALE: SRL, SRLS. S.A.P.A., S.P.A., TUTTE LE SOCIETA’ FALLIBILI

FIDEUISSORI E GARANTI DELLE SOCIETA’ DI CAPITALE 

SOCI E AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA’ DI CAPITALE

CHI INTERVIENE

i nostri consulenti:

  • AVVOCATI,
  • COMMERCIALISTI,
  • CONSULENTI DEL LAVORO,
  • TRIBUTARISTI,
  • ECONOMISTI ED ESPERTI IN ECONOMIA E PROGRAMMAZIONE NON SINGOLARMENTE MA IN TEAM, IN GRUPPO UNITARIAMENTE

COME?

In attesa che entri in vigore il codice della crisi e della insolvenza e dell’arrivo di provvidenze da parte dello Stato, interveniamo combinando l’utilizzo di tutti gli strumenti a nostra disposizione al fine di tutelare le società e i membri delle società

CON QUALI STRUMENTI?

Attraverso l’ausilio delle tecniche di risoluzione alternative delle controversie, quindi negoziazione, mediazione ed arbitrato, transazioni ed utilizzando ove possibile le procedure di sovraindebitamento a tutela di soci, fideuissori e garanti

Interverremo in sede necessaria con gli adeguati strumenti

Negozieremo con banche e fornitori e Agenzia Entrate della Riscossione e solleciteremo interventi ove vi siano state lentezze burocratiche. 

IN QUALI AMBITI OPEREREMO?

problemi in materia di locazione e comodato, affitto di azienda, contratti bancari, finanziari, assicurativi, problemi di pagamenti e di inadempimenti contrattuali, esecuzioni immobiliari e mobiliari, precetti, pignoramenti e presso terzi, procedure fallimentari, problemi con Agenzia Entrate della riscossione e ogni altro ambito relativo alla vita aziendale.  

COME SARANNO VALUTATI I COSTI?

Precisiamo che l’ottica del network è avere un unico coordinatore che si avvalga di una struttura adeguata e una serie di professionisti che lavorino realmente.

Ovviamente se l’utente finale avrà un unico problema verrà affrontato, quel problema, viceversa, subentrerà la squadra in supporto dell’utente

Avere una squadra non comporterà avere costi triplicati e, soprattutto, prima di ogni intervento ci sarà un contratto di preventivo che dovrà essere sottoscritto dal cliente e dai professionisti. 

Si dice che perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinunzino all’azione. 

IN QUALI SETTORI NO DEFAULT OFFRIRA’ ASSISTENZA?

  • Indebitamento e sovraindebitamento
  • Decreti ingiuntivi, precetti e pignoramenti e relativi opposizioni
  • Esecuzioni mobiliari e immobiliari e opposizioni
  • Procedure pre fallimentari e fallimentari
  • Inadempimenti contrattuali
  • Ambito legale
  • Ambito fiscale, tributario e diritto del lavoro
  • consulenza in materia di pianificazione e sviluppo
  • consulenza in materia di sicurezza sul lavoro
  • consulenza in materia di marchi e brevetti
  • consulenza in materia di commercio nazionale ed estero
  • consulenza in materia di diritto di famiglia e tutela imprese familiari
  • consulenza e tutela nel settore agricoltura
  • consulenza e tutela nel settore turistico alberghiero
  • consulenza e tutela nel settore spettacolo
  • consulenza in materia di innovazione tecnologica e digitalizzazione
  • consulenza psicologica e sociologica
  • consulenza in materia di web-marketing
  • consulenza in materia di coaching aziendale, comunicazione, pubblicità
  • creazione di un network produttivo tra le aziende da noi assistite 

PERCHE’ SCEGLIERE NO DEFAULT

Italiani e giapponesi si preparano per scontrarsi in una gara di canottaggio.

Alla prima gara, i giapponesi hanno una buona barca, un unico coordinatore e sei persone ai remi.

Gli italiani hanno un coordinatore, due vice coordinatori, due persone che tengono il tempo e due rematori.

Gli italiani perdono la gara.

Prima di prepararsi per la gara successiva, i giapponesi si coordinano sulla modalità comunicativa e soprattutto si coordinano nel remare tutti insieme, valutando i tempi e il coordinamento.

Gli italiani perdono almeno sei mesi di tempo per capire chi ha sbagliato, come ha sbagliato e perché ha sbagliato, e dopo tante chiacchiere inutili cambiano un rematore e un vice. 

Alla gara successiva, i giapponesi vincono nuovamente e gli italiani perdono inesorabilmente.

Nei sei mesi successivi i giapponesi acquisiscono una nuova barca più stabile e addirittura utilizzano gli auricolari wifi per sentire meglio le indicazioni del coordinatore.

Gli italiani continuano a parlare, cercare soluzioni, dare colpe all’uno e all’altro, a chiamarsi telefonicamente e a sbraitare con tutti, alla fine viene cambiato il coordinatore e i due vice coordinatori e l’Italia perde nuovamente.

Ecco.

Noi siamo come i giapponesi.

Un unico coordinatore definisce le linee guida del progetto e si lavora tutti insieme, senza perdere tempo ed ascoltando il debitore.

E arriviamo primi, all’obiettivo.  

Si dice che perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinunzino all’azione. 

Noi non rinunciamo all’azione, agiamo.

Contattaci. 

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.